Pelle e alternanza scuola-lavoro: Conceria Llyod (Santa Croce) apripista toscano dell’apprendistato di primo livello

A Santa Croce sull’Arno, presso la conceria Llyod (Gruppo Nuti Ivo, nella foto) è stata avviata la prima esperienza in Toscana di apprendistato di primo livello. Si tratta di una nuova forma di alternanza scuola-lavoro, prevista dal Job Act, che permette di affiancare a un percorso di formazione direttamente in azienda, anche una formazione a scuola. Ne nasce un contratto di “apprendistato in alternanza”, della durata di 2 anni, che unisce lavoro, stage e studio. L’iniziativa è partita in via sperimentale attraverso un accordo tra l’Istituto Cattaneo di San Miniato, il Centro per l’Impiego di Santa Croce e Conceria Lloyd. “È un modo per offrire un’alternativa ai percorsi scolastici tradizionali soprattutto per i ragazzi che hanno difficoltà nel proprio percorso scolastico e sono a rischio abbandono – ha spiegato il dirigente scolastico dell’istituto, Alessandro Frosini. Questo tipo di apprendistato permette di imparare una professione senza abbandonare la scuola”. Il primo caso (presentato ieri al Centro per l’impiego di Santa Croce) riguarda un ragazzo di 16 anni, Francesco, che stava per lasciare la scuola: “Con questo tipo di esperienza Francesco è seguito da un tutor, come stagista, quando è in azienda, mentre a scuola segue un percorso individuale”. Il percorso offre all’azienda sgravi fiscali (previsti della Regione), ma, soprattutto, come spiega il vicepresidente dell’Associazione Conciatori di Santa Croce, Aldo Gliozzi, “permette all’azienda di formare gli addetti secondo le proprie esigenze”. Alcune altre concerie hanno già dimostrato interesse ad avviare esperienze simili.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati