Più fatturato e meno produzione per la conceria francese

Conseil National du Cuir ha annunciato i numeri del primo semestre 2013, che vedono crescere il giro d’affari del settore conciario francese del 41,5%. Le tanneries transalpine hanno incassato complessivamente 126 milioni di euro (erano 89 nei primi sei mesi del 2012), pur riducendo la produzione di pelli bovine e ovine, mentre aumenta leggermente il vitello. Le bovine si fermano a 1.155 tonnellate (-11%), le ovine a 2,1 milioni di pezzi (-5%), mentre i vitelli progrediscono dell’1% e si piazzano a quota 793 mila mq. In crescita l’area pelle in generale: +3% i prodotti in pelle e +14% la calzatura. L’export intanto aumenta del 2% (2,4 miliardi di euro) mentre quello specifico della calzatura segna u +5% (985 milioni).

Conseil National du Cuir ha specificato che in futuro i problemi potranno derivare dal calo della macellazione e dalla conseguente difficoltà nel reperire grezzi di qualità. Si segnala tra l’altro un aumento al ricorso dell’import nelle pelli grezze di vitello. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati