Stazione Sperimentale e Camere di Commercio

Le tre Camere di Commercio (Napoli, Pisa, Vicenza) a cui è stata affidata la gestione della Stazione Sperimentale di Napoli hanno impostato un nuovo statuto, in cui il patrimonio, i versamenti effettuati dai contribuenti conciatori e la gestione sono stati abbozzati senza il coinvolgimento dell’associazione nazionale dei conciatori, Unic. Tutto è avvenuto in gran fretta. Le Camere di Commercio si preparano a costituire una società “a tre proprietarie”, allargando l’attività extra-concia (che però resta l’unica contribuente) e con poteri spesso esercitabili senza l’approvazione del CdA, ancora da nominare, che dovrebbe essere costituita dai conciatori. Unic ha coinvolto l’organo di vigilanza, cioè il ministero dello Sviluppo economico. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati