A Milano il cocco va a ruba: furto stile Mission Impossible da Hettabretz, via 2 giubbini da 60.000 euro

Due ladri da trovare, nessun filmato di videosorveglianza da passare ai raggi X. Quello che attende gli investigatori della Questura di Milano, chiamati a individuare i due malviventi che mercoledì pomeriggio hanno sottratto due giubbini in pregiatissima pelle di coccodrillo dallo showroom di Hettabretz, è un compito davvero arduo. I due ladri avrebbero infatti studiato il colpo nei minimi dettagli, probabilmente dopo aver eseguito sopralluoghi attenti e aver capito che all’interno di quell’esclusivo negozio nessuna telecamera avrebbe potuto riprendere i loro spostamenti. Così sono entrati in azione, fingendosi normalissimi clienti: il primo a entrare nel negozio di via Manzoni, un signore molto distinto e con un accento dell’Est Europa, chiedendo se la moglie fosse lì. Naturalmente non esisteva alcuna moglie, ma nel frattempo avrebbe chiesto di provare un paio di calzature di lusso esposte in vetrina. Entrava poi il complice dichiarando di essere con il primo ed esprimendo il desiderio di provare anch’egli dei capi. Il tempo che la commessa andasse a cercarli e, al ritorno i due se n’erano andati, insieme ai due esclusivi giubbini del valore di circa 60.000 euro l’uno senza toglierseli prima di uscire né tantomeno pagarli, passando attraverso il cortile interno di Palazzo Borromeo d’Adda. Una volta in via Manzoni i ladri avrebbero sfruttato le dimensioni della strada per muoversi a zig zag evitando le porzioni della via riprese dalle telecamere di altre attività commerciali. Alla commessa – sola in negozio in quel momento – accortasi delle mancanze non è rimasto altro che raggiungere a piedi la questura per denunciare l’accaduto.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati