Le Zapatos Rojos tornano in piazza contro la violenza sulle donne

Le scarpe rosse indossate oggi, esposte nelle piazze e nei luoghi pubblici delle città di tutto il mondo, ricordano la traccia di una violenza subita, sono il simbolo della vita strappata a una donna e il gesto di chi non si arrende. Si celebra oggi la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne e la scarpa torna a essere l’oggetto emblematico di una marcia di protesta per chi non vuole dimenticare un problema che affligge la nostra società. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, una donna su 3 (il 35% delle donne) ha subito una forma di violenza da parte di un uomo. E solo in Italia sono 6 milioni 788 mila (il 31,5%) le donne vittime di violenza fisica o sessuale. Sono moltissime le iniziative e manifestazioni che utilizzano le scarpe rosse per lanciare un segnale di solidarietà. La prima ad usarle fu l’artista messicana Elina Chauvet nel 2009 per denunciare, attraverso le sue opere, i rapimenti, gli stupri e gli omicidi di donne messicane che dal 1993 rimanevano impuniti nella cittadina di Ciudad Juàrez. Raccolse scarpe di colore rosso, simbolo di sangue e violenza, e iniziò ad esporle nelle piazze. Con il suo progetto Zapatos Rojos l’artista accese i riflettori su una situazione dove i media e la legge non erano arrivati. Oggi si continuano ad usare le scarpe rosse per lo stesso messaggio, anche in numerose città d’Italia, per sensibilizzare l’opinione pubblica. (mvg)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati