Nessuna condanna per “lo spettacolare furto” del 1999 da Pollini

Correva l’anno 1999 e in Romagna, a Gatteo, una banda di ladri compì quella che fu definita “una spettacolare rapina” ai danni del calzaturificio Pollini. 15 anni dopo si torna a parlare di quel furto perché, nonostante tutte le indagini svolte e il rinvio a giudizio di tre imputati, il reato “non c’è più”. Si è giunti infatti alla prescrizione in quanto il tribunale del riesame di Bologna ha chiesto la diversa configurazione del reato, passato da rapina a ricettazione. Era il 4 febbraio del 1999 quando una banda specializzata, formata da una quindicina di componenti, fece irruzione nello stabilimento poco dopo la chiusura dell’azienda. Tutti i dipendenti furono bloccati e immobilizzati con nastro adesivo, poi con due camion la banda ripulì l’azienda portando via intere collezioni di calzature e capi d’abbigliamento pronti per essere spediti nei negozi di tutto il mondo. Alcuni giorni dopo un agente delle forze dell’ordine, nei pressi dell’aeroporto di Linate a Milano, individuò un camion rubato che si dirigeva verso un capannone in disuso. All’interno furono trovati i due camion con tutta la merce rubata e i passamontagna usati dai banditi. Grazie a questo ritrovamento Pollini riuscì a salvare la stagione, consegnando la merce ordinata in varie parti del mondo. Nel blitz i carabinieri bloccarono e arrestarono tre persone, tutte residenti in provincia di Napoli. Alcune accuse (detenzione di armi e sequestro di persona) erano cadute davanti al Gip, il resto è finito ieri in prescrizione con il passaggio del reato. Come se niente fosse mai accaduto… (f.f.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati