Somma Vesuviana: sequestrata una “fabbrica del falso”

Un intero stabilimento di oltre 500 metri quadrati, interamente abusivo, dedito alla produzione del falso è stato sequestrato stamane a Somma Vesuviana dalla Guardia di Finanza di Napoli. Quattro le persone arrestate, tra cui un latitante da due anni, mentre sono state sequestrate 1.200 borse false Louis Vuitton, Alviero Martini e Fendi, oltre a 10.000 accessori con il falso marchio Prada. Per il blitz scattato all’alba, sono stati impiegati 30 uomini delle Fiamme Gialle che hanno colto in flagranza di reato quattro italiani mentre stavano controllando il funzionamento dei macchinari durante la produzione e individuato i depositi di stoccaggio nel quartiere di Secondigliano. La Gdf ha sequestrato anche sette macchine stampatrici-goffratrici a rulli rotativi in metallo per la riproduzione sui tessuti-pellami dei marchi individuati (nella foto); 45 bidoni di pitture speciali; banchi lavoro, carrelli elevatori, autocarri e oltre 200 rotoli e mazzi di tessuti e pellami che già recavano marchi contraffatti, per un totale di circa 11.000 metri quadrati di merce. Secondo l’Arma, i prodotti sarebbero stati immessi nel mercato napoletano all’ingrosso e avrebbero fruttato diverse centinaia di migliaia di euro. Una cifra che poi sarebbe aumentata in maniera esponenziale nei diversi canali retail: bancarelle, outlet creati in maniera artigianale e, talvolta, anche negozi compiacenti. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati