E-commerce: i numeri di Alibaba nell’anno crescono a ritmo mostruoso (+58%), Amazon ha un problema con l’Europa

Nell’ultimo trimestre i profitti di Alibaba risultano in calo del 29% (1,2 miliardi di dollari), ma solo perché a bilancio sono finiti gli investimenti per ampliare la rete commerciale. Il dato non inganni. Perché non solo i ricavi del periodo sono in crescita del 61% (9,9 miliardi di dollari), con la divisione che comprende il canale del lusso Taobao e Tmall in aumento del 62%, ma l’esercizio sull’anno fiscale 2017-2018 chiude con utili in espansione del 47% e ricavi su del 58%. Il colosso guidato da Jack Ma continua a diversificare, investendo nelle attività della finanziaria del gruppo e nel food. A proposito di strategie, Wall Street Journal invita Amazon a rivedere le sue in fatto di moda. Se il gruppo di Jeff Bezos negli States si è trasformato nel principale market place digitale per l’abbigliamento e le calzature, detenendo una quota del 35% di tutte le vendite online, in Europa, dove la propria fetta di torta nel segmento si ferma all’8%, non riesce a sfondare. Perché? Amazon stenta ad affermarsi agli occhi del consumatore del Vecchio Continente, sostiene un analista ascoltato dal quotidiano economico statunitense, come player affidabile della moda. Il cliente europeo continua a preferire siti “indigeni” come Zalando, Asos o Showroomprivee.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati