Fiere della pelle sulle vie della seta: a Chennai la concia spera nell’upgrading qualitativo, in Turchia è battaglia sul wet blue

Rispetto all’ultima edizione si è visto più traffico di visitatori, mentre molti espositori raccontano di aver ricevuto visite da buyer di brand di livello più alto rispetto a quelli che di solito partecipano alla fiera. I primi riscontri dell’India International Leather Fair (IILF), in programma dal primo al 3 febbraio a Chennai, sono tendenti al positivo. Presto per trarre bilanci, ma per i 450 espositori (160 dall’estero) sembrerebbe una tre giorni prolifica. La parola d’ordine dell’area pelle indiana per il prossimo futuro è “Green”: il mercato si fa esigente, la sostenibilità sociale e ambientale è all’ordine del giorno anche a Nuova Delhi. Segnali più contrastanti, invece, arrivano dalla Turchia. Negli stessi giorni dell’IILF a Istanbul era in programma l’Alleather-IDF. Sembra che molte concerie locali, spinte dalla domanda interna depressa e dalla svalutazione della lira turca, abbiano smesso di conciare pelli finite e si siano dedicate al wet-blue da esportare. Se lo scenario non dovesse cambiare, altre imprese sono pronte a seguire la stessa strada: acquirenti da Spagna, Italia e Portogallo sono già alla porta. Stando a quanto riporta la stampa internazionale, una cordata di concerie avrebbe provato a fare lobby col Governo Erdogan per aumentare il dazio sull’export di semifinite, così da disincentivare la conversione e risolvere un problema a quegli operatori turchi che oggi hanno problemi ad approvvigionarsi sul mercato domestico. Ankara, finora, non ha accolto la richiesta.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati