Lineapelle, più visitatori alla fine del primo giorno

Inizio pimpante per Lineapelle. Ieri si è aperta la mostra internazionale delle pelli, accessori, componenti e altri materiali per calzatura, pelletteria e abbigliamento. I primi dati indicano un +4% di presenze straniere, che sfiorano ormai il 60% del totale visitatori. Positiva anche l’affluenza degli italiani, sostenuta dalla pelletteria e in generale dal lusso, con il +3% rispetto all’edizione di ottobre 2012. Oggi, come ogni secondo giorno, gli stand sono presi d’assalto dai buyer, giunti a Bologna per la definizione delle collezioni autunno/inverno 2014/15. Il tema centrale resta quello del grezzo, dove restano alte le tensioni soprattutto sulle migliori scelte europee e con una sempre più marcata propensione da parte della conceria italiana di spostarsi verso le più convenienti alternative nordamericane. Ieri sera di scena al Teatro Comunale di Bologna l’omaggio di Lineapelle al bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, con una serata dedicata a opera, balletto ed evocazioni cinematografiche. “L’industria conciaria italiana”, ha affermato Gianni Russo, presidente Lineapelle e titolare del gruppo Russo di Casandrino/Abip, “si sta sempre più affermando come punto di riferimento per il lusso. Le pelli made in Italy sono sinonimo di sostenibilità, etica e tracciabilità. La fiera è l’evento di riferimento mondiale per un settore in cui operano oltre 50 mila imprese, impiegando più di un milione di addetti”. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati