Pitti Uomo fa 90: al via tra new entry e “l’intervento creativo” del Gruppo Mastrotto

Oggi primo giorno di Pitti, edizione numero 90, che si chiuderà alla Fortezza da Basso di Firenze venerdì 17. 1.219 i marchi presenti di cui 536 stranieri. Protagonista la moda maschile per la prossima estate. Diffusi i dati del menswear (compreso quello in pelle) 2015 che vede l’abbigliamento in pelle in netta difficoltà, unico comparto con un segno meno nell’export: -9,7%. Difficoltà confermate anche nel primo bimestre 2016 nel quale le esportazioni hanno perso oltre il 10%. Nel 2015 è invece cresciuto l’import del 3,9%, rispetto al 2014. Nonostante questi numeri un grande marchio come Cucinelli ha puntato proprio sulla pelle, leggera e morbida come cashmere, per una collezione di giacche in camoscio e nappa plongé. Pelle anche per il più sportivo giubbino col cappuccio mentre è sempre più importante la gamma di accessori: sneakers, zaini e piccola pelletteria. Molta curiosità per la prima collezione maschile di Baldinini e la prima partecipazione del brand calzaturiero Premiata. Torna a Firenze, dopo l’esordio dello scorso anno, il Gruppo Mastrotto, presente a Pitti con uno stand dedicato e un “intervento creativo” sulle sedute del Padiglione Centrale. Il gruppo conciario vicentino ha rinnovato la partnership con Pitti e sarà presente non solo all’evento maschile che si apre oggi, ma anche a Pitti Bimbo e Pitti Filati. Nella foto: un’immagine dell’edizione di giugno 2015. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati