Presidiare la Corea, per crescere: domani, per 50 aziende, inizia La Moda Italiana a Seoul

Saranno circa 50 i marchi di moda presenti all’edizione numero 14 di La Moda Italiana a Seoul, in programma da domani all’1 febbraio all’hotel Westin Chosun della capitale coreana. Organizzata due volte l’anno dal 2012, la manifestazione è promossa dall’associazione italiana di moda Ente Moda Italia (EMI) insieme a SMI (Sistema Moda Italia) e in collaborazione con le associazioni di categoria dei settori presenti: abbigliamento, pellicceria, calzatura, pelletteria. Le aziende, 19 delle quali saranno al debutto nel mercato coreano, presenteranno la collezione autunno-inverno 2019/2020 e attendono la visita di circa 1.000 buyer. Assocalzaturifici supporterà la presenza di Aldo Brué, Cerutti, DIS-Design Italian Shoes, RFR Fabiano Ricci, Carmens, Le Babe. Nei primi 8 mesi del 2018, in base ai dati diffusi dall’associazione, l’export di scarpe made in Italy verso la Corea del Sud è aumentato dell’11,6% in valore (139,17 milioni di euro) e del 10,8% in quantità (1,266 milioni di paia) con un prezzo medio di circa 110 euro al paio. Seoul occupa la posizione numero 12 nella classifica dei maggiori compratori e ha scavalcato il Giappone. Anche per la pelletteria la Corea è un mercato in crescita: +8,4% in valore e +3,2% in volume nei primi 5 mesi 2018. Il mercato coreano aveva conseguito risultati premianti a consuntivo 2017. Il trend dell’export è positivo e gli espositori sperano di poter confermare questo andamento. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati