Tutto pronto per l’edizione record di Lineapelle

Apre domani a Bologna Lineapelle, edizione record per numero di espositori (1.155) e superficie espositiva (oltre 41.500 metri quadrati). “Questa fiera rappresenta il punto di riferimento di un mercato nel quale operano più di 50 mila imprese, con oltre un milione di addetti e un volume d’affari che equivale al 40% del fatturato mondiale dell’area pelle – sottolinea Gianni Russo, titolare del gruppo Russo di Casandrino/Abip e presidente della manifestazione – Una vetrina eccellente per chi espone, momento fondamentale per promuovere la qualità e lo stile italiano, in un settore dove l’industria nazionale occupa da sempre una posizione di leadership: basti pensare che il 62% del valore della produzione continentale ed il 17% di quella mondiale proviene da aziende italiane”. Alte le aspettative, tanti i temi d’attualità, a partire dai prezzi, sui quali, come ricorda Alessandro Iliprandi (Bonaudo) “per alcuni tipi di pellami, gli aumenti risultano essere a due cifre”. Ma grossa attenzione anche sullo stato dell’approvvigionamento e della disponilità di materia prima, della sostenibilità e della tracciabilità di filiera. Clienti attesi? “Ormai li conosciamo quasi tutti – dice Rino Mastrotto, fondatore dell’omonimo gruppo e presidente dei conciatori italiani – c’è poco da esplorare nel globo. La sorpresa però potrebbe arrivare dalla Russia, che si sposta verso un prodotto sempre più qualificato e diventa importante non solo come mercato di destinazione del manufatto made in Italy, ma anche delle nostre pelli”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati