Cultura, formazione, innovazione: a Bologna nasce FRI, incubatore fashion che coinvolge la scarpa di San Mauro Pascoli

Nasce a Bologna FRI (Fashion Research Italy), polo di ricerca e tecnologia nel settore della moda, ideato dall’ex imprenditore Alberto Masotti. La sede sarà presso lo stabilimento ex La Perla e il taglio del nastro è previsto il prossimo settembre. Tre gli asset del progetto che prevede un investimento di 15 milioni di euro: museo, formazione, innovazione tecnologica al servizio delle imprese. Per la parte museale, Masotti ha acquisito il fondo Brandone (30.000 disegni, 5.000 volumi), così come è in procinto di acquistare immagini d’archivio di una quindicina di aziende della moda (Woolrich e Furla i primi nomi). Sul fronte formativo, oltre ai contatti con il Cercal di San Mauro Pascoli, partirà il master post laurea Design and Technology for Fashion Communication in collaborazione con l’Università di Bologna. Infine, l’innovazione: sono stati presi contatti con alcuni big player mondiali della tecnologia applicata alla soluzione dei problemi gestionali delle aziende. Il progetto nasce in stretta collaborazione con la Fashion Valley promosso dalla Regione Emilia Romagna e coinvolge il distretto della scarpa di San Mauro Pascoli, in i calzaturifici Casadei e Giuseppe Zanotti. (ff)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati