Non c’è il 2 senza il 3: la scarpa lombarda lancia il nuovo corso IFTS

Un addetto al taglio Cad Cam di un calzaturificio

È stato presentato il corso IFTS (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore) dal nome “Tecniche di industrializzazione del prodotto e del processo per il settore calzaturiero lombardo”. Si svolgerà all’ISIS Bernocchi di Legnano.

I dettagli
I posti disponibili sono 25. Le iscrizioni sono già aperte. Il corso, che inizierà i primi di ottobre, è rivolto a ragazzi dai 18 ai 29 anni. Si articola in 1.000 ore di cui 560 in aula e 460 di stage. È gratuito ed è promosso da un gruppo di partner guidati dalla scuola di Legnano. Nell’ordine: Confindustria Alto Milanese, Confindustria Pavia, Assocalzaturifici, Comune di Legnano, Eurolavoro AFOL Ovest Alto Milanese, Arsutoria School, Promos Formazione, Atom Lab Vigevano, Università degli Studi di Pavia e LIUC di Castellanza.

Imparare sul campo
‘Il settore calzaturiero soffre da anni della carenza cronica di tecnici preparati e motivati. E questo accade nonostante la possibilità di fare carriera e di raggiungere una remunerazione interessante”. Queste le parole (riportate da SempioneNews) di Giovanna Ceolini, vicepresidente Assocalzaturifici e presidente Della Sezione Calzaturiera di Confindustria Alto Milanese: “La cosa più importante di quest’iniziativa è che i ragazzi potranno entrare nelle fabbriche per imparare sul campo il nostro mestiere”.

Progettare e sviluppare
“Con i nostri tecnici – continua Ceolini – gli studenti potranno progettare e sviluppare i componenti di un prodotto artigianale. Poi: eseguire il disegno, collaborare alla realizzazione dei prototipi e alla loro messa in produzione. Il mondo del lavoro è cambiato, si è evoluto: le macchine digitali presenti in azienda hanno bisogno delle competenze specifiche dei tecnici e degli ingegneri che, in sinergia, lavorano tutti per un unico obiettivo”.

Vincere la diffidenza
Anche nelle precedenti edizioni del corso i posti liberi erano 25, ma le iscrizioni si sono fermate a 20. “All’inizio c’è un po’ di diffidenza perché i giovani pensano a un lavoro in cui si sporcano di mastice. Poi, però, quando entrano nelle aziende si rendono conto che non è così e tutti, sottolineo tutti, ci danno un feedback positivo a fine del corso” ci dice la responsabile del corso, la professoressa di ISIS Bernocchi Marina Nebuloni: “Dei 20 giovani che hanno frequentato la prima edizione del corso, ben 13 hanno trovato lavoro. Per la seconda edizione, terminata da poco, è ancora presto per dare dei numeri”.

Le aziende
Le aziende del territorio che hanno collaborato alle precedenti edizioni del corso ospitando i tirocini dei ragazzi, che per alcuni di loro si sono trasformati in occupazione a tempo pieno, sono state: Seymechamlou, Roveda, Parabiago Collezioni, Nebuloni Eugenio, Cleo Bottier, Tacchificio Villa Cortese, Vittorio Valsecchi, Vigens, Calzaturificio Bieffegi, Ifaba, Elleduesse Contrafforti. (mv)

Immagine

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati