Tra liceo e ITC, UNIC insegna la pelle: dopo il Calasanzio di Empoli, oggi lezione al Russell-Newton di Scandicci

Due le scuole superiori coinvolte. Circa 150 gli studenti, per un totale di 7 classi. Volge al termine il progetto didattico Made in Italy, Materie Prime e Manifattura promosso da UNIC – Concerie Italiane presso il Liceo Scientifico Calasanzio di Empoli e l’ITC-Professionale Moda Russell-Newton di Scandicci dove, oggi, si è svolta la terza e conclusiva lezione con le classi IV e V, e la prima con le 2 classi del terzo anno. A Empoli, invece, il ciclo di lezioni iniziato lo scorso novembre, si è concluso dopo aver coinvolte una III e una IV. Vari e di differente “portata” gli obiettivi formativi. In generale, spiega UNIC: “Stimolare processi di acquisto consapevole e invitare a riflettere sulla complessità dei processi di trasformazione da materia prima a prodotto finito e delle interazioni di tali processi con l’uomo, l’ambiente, i mercati”. Nello specifico: “Favorire un approccio di conoscenza multidisciplinare utile per l’orientamento nelle aree legale, economica, tecnica; far conoscere la filiera dei manufatti in pelle con approfondimento sul settore conciario; stimolare gli studenti al fine di orientarli per i loro percorsi di studio o impieghi futuri nelle aree giuridica, economica, chimica e stilistica attraverso la conoscenza di un comparto industriale in salute, fortemente radicato sul territorio e orientato all’export e all’innovazione”. Un orizzonte formativo completo sul contesto dell’industria conciaria e della sua produzione che ha anche permesso a circa 50 studenti del Russell-Newton di visitare l’ultima edizione di Lineapelle, lo scorso febbraio. Il progetto si concluderà il prossimo 7 maggio.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati