I guai dell’imbottito: CIG per 500 da Natuzzi, Conforama licenzia

cassa Integrtazione per Natuzzi, licenxziamenti per Conforama

Natuzzi avvia il proprio rilancio, Conforama si appresta a tagliare il 20% dei suoi 9.000 dipendenti. Le due società vivono da tempo situazioni complesse e opache, che stanno portando a soluzioni differenti.

L’accordo di Natuzzi
Natuzzi ha sottoscritto presso la Regione Puglia il primo accordo per avviare la Cassa Integrazione a favore di 500 lavoratori, ai quali verrà offerto un percorso formativo al termine del quale entreranno nell’organico delle aziende “che oggi svolgono parte dei processi produttivi per Natuzzi dall’esterno”. I dipendenti potranno godere della misura di sostegno al reddito non appena il ministro al Lavoro, Luigi Di Maio, avrà sottoscritto il decreto attuativo.

Il taglio di Conforama
In Francia, invece, il colosso del mobile Conforama starebbe per alleggerire il proprio organico. Secondo quanto riporta Le Figaro, l’azienda vivrebbe una dura crisi e, per fronteggiarla, ha previsto l’attuazione di un piano di “trasformazione profonda e necessaria“, annunciato martedì. Sarebbe prevista la chiusura di 32 negozi e la riorganizzazione del personale, anche di quello impiegato negli uffici, con il possibile taglio del 20% dell’attuale forza lavoro.

Nella foto Imagoeconomica, lo stand Natuzzi durante una passata edizione del Salone del Mobile di Milano

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati