Torna Frau 1919, la poltrona forgiata un secolo fa nel tabagismo dei Savoia

Pare che sia andata così. Nel 1919 Renzo Frau, mobiliere di fiducia della casa reale, dona a Filiberto Ludovico di Savoia, duca di Pistoia, una poltrona disegnata apposta per lui. La seduta, rivestita in pelle, prevede anche un leggio per libri o riviste. Il nobiluomo, però, alla narrativa preferisce i sigari, e per questo chiede a Frau di sostituire il leggio con un posacenere. Nel giro di un secolo, il modello Frau, chiamato per la data del disegno 1919 (anche se negli archivi è registrato come 126), è diventato uno dei più iconici per il brand marchigiano, sullo stesso piano di Chester e di Vanity Fair. Per celebrarne il centenario Poltrona Frau, come si legge su il Venerdì de la Repubblica, lo rimette in produzione nelle sue forme originali: schienale capitonné, rivestimenti in tutte le nuance dei pellami del marchio, grande attenzione alla qualità produttiva (sono necessarie 22 ore di lavorazione per ogni esemplare). C’è anche il piatto in noce canaletto con sostegno in ottone: questo, però, non è più obbligatorio. Chi non lo desidera, può farne a meno.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati