Blockchain, LVMH ci sta: tracciabilità e autenticità dei prodotti LV e Dior con la nuova tecnologia

LVMH sarà il primo gruppo del settore del lusso ad adottare la tecnologia blockchain per la tracciabilità e l’autenticazione su larga scala dei prodotti. Secondo quanto riporta CoinDesk, il gigante francese del lusso, tra questo mese e il prossimo, dovrebbe lanciare Aura, una blockchain d’autenticazione dei suoi prodotti che inizialmente dovrebbe essere riservata ai marchi Louis Vuitton e Parfums Christian Dior, ma che in futuro potrebbe essere esteso a tutti gli altri marchi controllati dal gruppo. Secondo quanto riporta Wall Street Italia, Aura fornirà la prova di autenticità di beni di lusso e darà traccia delle loro origini, a partire dalle materie prime. In una fase successiva la piattaforma dovrebbe occuparsi di protezione della proprietà intellettuale creativa, ma anche di offerte esclusive ed eventi per i clienti di ogni marchio. “Quando un leader come LVMH decide che l’autenticazione del prodotto è un must per i consumatori di prodotti di lusso, vuol dire che è arrivato il momento in cui ogni brand lusso e premium deve prestare attenzione alla blockchain” ha affermato Michele Casucci, fondatore e amministratore delegato di Certilogo. “La Blockchain è una delle tecnologie più interessanti della nostra generazione – ha aggiunto – per mostrare ai consumatori da dove proviene un prodotto, chi l’ha realizzato e con quali materiali, e che è autentico”. Le analisi dell’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger del Politecnico di Milano, riportate oggi da Zerounoweb, hanno mostrato che in Italia la blockchain è ancora poco sviluppata: sono 150 i progetti in corso ad ottobre 2018, per un valore di 15 milioni di euro (comunque più di quanto si facesse nel 2017). (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati