Cina: indossa cintura LV, sotto accusa un manager amante del lusso

La campagna in corso in Cina contro la corruzione dei funzionari statali e locali sembra ha fatto una nuova vittima. Per Li Jianguo, general manager di un’azienda pubblica per la gestione di acqua ed elettricità operante nella contea di Rucheng (provincia dello Hunan), è stata fatale una fotografia scattata mentre indossa una cintura griffata LV. La foto è stata immediatamente diffusa su Weibo, social network di micro-blogging cinese molto simile a Twitter, e ha scatenato numerose proteste nonché la denuncia del general manager alle autorità giudiziarie. Il Partito comunista ha pure avviato un’azione disciplinare contro Li, accusato di aver violato la legge perché con lo stipendio che percepisce non potrebbe permettersi una cintura così costosa. Negli ultimi mesi in tutto il Paese diversi dirigenti pubblici sono stati accusati di corruzione e in seguito condannati dopo che erano state pubblicate loro foto mentre indossano capi di lusso (compresi capi in pelle), guidano auto costose o esibiscono orologi di pregio. (ap)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati