Griffe in cerca di stile: per la guida artistica di Brioni è corsa a 4, mentre in Roberto Cavalli la scelta è tra Scognamiglio e Puglisi

Dimenticare Justin O’Shea. Del nuovo corso di Brioni (griffe del gruppo Kering) una cosa è certa: il nuovo ceo Fabrizio Malverdi vuole archiviare la svolta hard rock impressa dal fondatore di mytheresa.com, alla guida del brand per 6 mesi, e tornare alle origini sartoriali. Per raggiungere lo scopo, Malverdi sta vagliando la miglior candidature tra quelle di Aldo Maria Camillo, Carlo Bardelli, Sergio Zambon e Umit Benan. A riportare lo scenario è Milano Finanza Fashion, la stessa testata che aggiorna sul processo di selezione (già a un livello più avanzato) in casa Cavalli. L’ad della griffe toscana, Gian Giacomo Ferraris, avrebbe già operato la prima cernita e ristretto la scelta tra due nomi: Francesco Scognamiglio e Fausto Puglisi. La nomina arriverà entro fine aprile, in modo da permettere al nuovo direttore creativo di preparare la collezione spring summer 2018 da portare in passerella a Milano per la Fashion Week del prossimo settembre.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati