Gucci va male e Pinault si consola comprando un marchio di orologi

Nella trimestrale di Kering pesa l’andamento negativo di Gucci, che perde il 2,4% del fatturato rispetto allo stesso periodo 2013. Il risultato complessivo del gruppo francese del lusso è comunque positivo e nel primo semestre il fatturato è stato di 4,7 miliardi di euro, in crescita dell’1,5% a cambi correnti (+4% a cambi costanti). Oltre a Gucci, l’altra brutta notizia arriva dalle fluttuazioni valutarie sulle vendite, che hanno causato un effetto negativo sui conti del gruppo per 196 milioni. Ottime invece le performance di Bottega Veneta (+20%) e Saint Laurent, marchio del momento con un eccellente +29%. Gucci ha registrato una buona performance in Nord America ma ha sofferto nella Cina continentale, a Hong Kong, Taiwan, Singapore e in Giappone. Fiacca la performance anche in Europa per una riduzione dei flussi di turisti giapponesi e russi e un rallentamento della spesa dei viaggiatori cinesi. Malgrado un contesto ancora difficile, il gruppo si aspetta un ritorno alla crescita per Gucci nel secondo semestre. Intanto François-Henri Pinault, presidente e amministratore delegato di Kering, si consola investendo nel mondo degli orologi, dove ha acquisito il produttore svizzero Ulysse Nardin. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati