“Ho comprato Versace perché”: Michael Kors racconta le ragioni dell’acquisizione e il suo amore per l’Italia

Ha acquisito Versace, pagandolo quasi 2 miliardi di euro.Capri non è semplicemente uno dei luoghi prediletti dove passa le vacanze, ma, soprattutto, è il nome della sua nuova holding, con la quale in Borsa punta a scalare posizioni nel mercato del lusso. Michael Kors dell’Italia adora lo stile, il cibo e le persone e spiega, in un’intervista al quotidiano La Stampa, che “molti dei materiali che utilizziamo per le Michael Kors Collections sono made in Italy”. E quando gli chiedono quale debba essere l’accessorio che non può mancare nel guardaroba di una donna, naturalmente pensa qualcosa formato luxury, una borsa di pelle, di ottima fattura, in particolare “una borsa a mano di pelle lux, di quelle che migliorano con gli anni”. Mentre di Donatella Versace dice che “è una donna intelligente, talentuosa e visionaria”. L’acquisizione della griffe per Michael Kors, oltre a sostenere la necessità di incremento del business nell’ambito del luxury retail, è un tassello importante per la creazione dell’identità della holding: “Modernità e storia di una grande griffe sono una combinazione rara  – spiega Kors –. Versace rappresenta questo equilibrio alla perfezione”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati