Kering, fuori un altro: dopo Puma e Stella McCartney adesso cede anche Christopher Kane (e manca Volcom)

Prima Puma e Stella McCartney, adesso Christopher Kane (nella foto). Obiettivo: focalizzarsi esclusivamente sul lusso dal quel ha il totale controllo. La corazzata francese Kering procede nella sua procedura di dismissione e annuncia di essere in trattativa con lo stilista britannico Christopher Kane per cedergli il 51% delle quote di proprietà. Con questa operazione Kane diventerebbe azionista unico del proprio brand (lanciato nel 2006) che sviluppa circa 9 milioni di euro di vendite (tra i prodotti distribuiti anche sneaker). Kering aveva acquisito la partecipazione nel 2013. Il gruppo transalpino ha diffuso una nota nella quale, oltre alle trattative in corso, viene precisato che entrambe le parti “intendono in ogni caso continuare a collaborare allo scopo di garantire una transizione graduale e armoniosa”. La multinazionale francese ha avviato da mesi una politica strategica di focalizzazione  sui propri marchi del lusso, cedendo asset che non rientrano in questa categoria. Kering sta anche cercando di vendere il marchio di active sportswear Volcom. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati