Kering va a produrre in Serbia, paga lo Stato

È stato firmato a Ruma, in Serbia, l’accordo tra Jean-Francois Palus, a.d. di Kering, e il ministro delle Finanze e dell’Economia di Belgrado, Mladjan Dinkic, che concederà al gruppo del lusso di Pinault 6 milioni di euro come incentivo per l’acquisizione di una conceria nel nord del Paese, fondata nel 1936, salvandola dal fallimento. Si tratta del primo investimento diretto da parte di Kering in Serbia, con una previsione di 120 nuovi addetti, che però dovrebbe concretizzarsi nella trasformazione dello stabilimento da conceria a pelletteria. Il ministro Dinkic ha espresso la propria soddisfazione per la conclusione dell’operazione: “Per lo stabilimento di Ruma è stato trovato il miglior partner strategico possibile, perché Kering è uno dei più grandi produttori mondiali di calzatura e pelletteria di lusso”. Di fatto, lo Stato riconoscerà a Kering un contributo pari a circa 8 mila euro per dipendente. L’operazione è simile a quella già conclusa con il Gruppo Fiat per lo stabilimento di Zastava. Un altro brand dell’area pelle che sta avviando la produzione diretta in Serbia è Geox. L’a.d. Palus ha dichiarato che Kering investirà nell’aumento della capacità produttiva dello stabilimento di Ruma, inserendo nuovi macchinari e tecnologie di produzione.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati