L’uomo che conta in Kering è Marco Bizzarri

La riorganizzazione di Kering premia un manager italiano. Il colosso francese controllato dalla famiglia Pinault, a cui fanno capo marchi simbolo del made in Italy come Gucci, Bottega Veneta, Brioni e Pomellato, ha portato alcuni cambiamenti al settore fashion della maison, creando una divisione orologi e gioielli da un lato e una dedicata ad abbigliamento, calzatura e pelletteria dall’altro. A capo di quest’ultima, denominata “couture & leather goods”, è stato promosso Marco Bizzarri, 51 anni, che, in attesa della conferma ufficiale (considerata imminente in una nota del gruppo) manterrà ad interim la direzione di Bottega Veneta. A capo dell’altra divisione è stato invece chiamato Albert Bensoussan ed entrambi riferiranno direttamente al presidente e amministratore delegato François-Henri Pinault. “L’introduzione di questa struttura – ha spiegato Pinault – è un passaggio logico nella formazione di un gruppo più integrato, per accelerare ulteriormente lo sviluppo dei nostri marchi rispettandone l’autonomia e l’identità”. Per quanto riguarda Gucci, la società mantiene una propria gestione autonoma sotto la guida del presidente e a.d. Patrizio Di Marco. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati