Il mass market sorpassa il lusso: nella classifica dei 500 brand che valgono più al mondo, Zara e H&M stracciano Burberry e Hermès

Soffrono le griffe del lusso, vincono i brand del fast fashion e del mass market. L’ultima edizione del Global 500 di Brand Finance, classifica delle aziende dal maggior valore al mondo, dice che nella moda è tempo di sorpasso delle maison del prodotto a portata di tutti a discapito di quello esclusivo. La performance migliore è quella di Nike, che guadagna 13 punti percentuali e si piazza al 28esimo posto. Rimanendo tra i primi cento della classifica, spiccano il gruppo svedese H&M, che guadagna 11 posizioni e arriva 63esimo, e Zara, il cui valore è cresciuto del 43% in un anno, al 90esimo. E il lusso? Louis Vuitton se la cavicchia, promuovendosi dal 110mo al 101esimo posto, comunque lontanissima dal podio dominato dalla tecnologia (ai primi tre posti Google, Apple e Amazon). Anche Gucci, rivitalizzato dal duo Michele-Bizzarri, riporta un risultato positivo, elevandosi di 42 gradini e assestandosi al 219esimo posto. Male gli altri. Perdono posizioni Hermès (dal 169esimo al 172esimo gradino), Burberry (da 344 a 409), Michael Kors (da 392 a 457) e Prada (scesa dal 446 al 463), pericolosamente vicina all’ultimo posto della graduatoria. La campanella d’allarme suona. (rp)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati