Per Armani meno utili e nuova fabbrica in Toscana

Il Gruppo Armani archivia il 2013 con un aumento di fatturato del 4,5% a 2,1 miliardi di euro. Lo scrive il quotidiano Mf Fashion, riportando però che gli utili, 23,9 milioni al netto delle imposte, sono in forte discesa rispetto ai 194,2 del passato esercizio, confermando una tendenza già evidenziata nelle semestrali dei big del lusso recentemente comunicate ai mercati. La liquidità in cassa permetterà comunque al gruppo di effettuare importanti investimenti per un ammontare complessivo di 100 milioni di euro. Spicca in particolare il progetto per la costruzione di una nuova fabbrica in Toscana, che sarà specializzata nell’abbigliamento sportivo. L’Europa, compresa l’Italia, resta il primo mercato di destinazione dei prodotti GA, con un’incidenza superiore al 50% del totale e un tasso di crescita del 15%. Stabili le vendite in Nord America e Far East. “Il gruppo – si legge nel bilancio – continuerà nel 2014 il programma di ulteriore espansione della rete distributiva verso i mercati emergenti consolidando al contempo la presenza nei mercati maturi”. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati