Sfida tra giganti per Golden Goose: dopo LVMH e Coach, scende in campo il fondo Mayhoola

Nella sfida per rilevare Golden Goose entra in campo Mayhoola. Il fondo di investimenti dei reali del Qatar, già protagonista del rilancio di Valentino, proprietario di Pal Zileri e in estate acquirente di Balmain, si aggiunge all’elenco di pezzi da 90 che si sono messi sulle tracce della griffe dell’urban luxury. Per Golden Goose, stando al Sole 24Ore, sono arrivate manifestazioni di interesse da LVMH (sempre interessata ad acquisizioni) e Coach (che, come dimostra l’abboccamento per Burberry, ha progetti espansionistici). Ma non solo, perché sono in movimento anche altri fondi private equity come Carlyle e General Atlantic. Ergon Capital, che dalla primavera del 2015 detiene la maggioranza di Golden Goose (76 milioni di fatturato nel 2015, outlook di 100 per il 2016, margine operativo lordo valutato 33-35 milioni), ha dato mandato al financial advisory Lazard di trovare un acquirente. Respinta una prima offerta del fondo Permira. La richiesta (altina) è di 400 milioni di euro. (rp)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati