Squadra che vince non si cambia: Mayhoola nomina Piombini, tra gli artefici del successo di Valentino, ceo di Balmain

Se ha funzionato con Valentino, portato in quattro anni a triplicare il fatturato e a sfondare la soglia del miliardo di giro d’affari, funzionerà anche per Balmain. Così sembrano di pensarla dalle parti di Mayhoola, che nomina Massimo Piombini (nella foto), già manager di una griffe del fondo qatariota ricoprendo l’incarico di worldwide commercial director di Valentino, a ceo di Balmain, brand del lusso acquisito lo scorso giugno. Piombini prende il posto di Emmanuel Diemoz, salutato dall’azienda con un ringraziamento per la sua “leadership esemplare”, che ha guidato la griffe a una crescita del 25% tra il 2013 e il 2015. Con un’intervista a WWD, Piombini spiega che intende sfruttare il potenziale di crescita di Balmain incontrando nuovo pubblico tramite il potenziamento della rete commerciale: in questo momento il canale wholesale vale l’80% del fatturato, l’intenzione è portarne l’incidenza al 55-60%.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati