Su La Conceria 7/8 parliamo del bipolarismo del mercato della moda

Su La Conceria 7/8 parliamo del bipolarismo del mercato della moda

Ormai si può parlare di bipolarismo del mercato della moda. Perché da un lato ci sono i grandi brand e i grandi gruppi del lusso. Che continuano a investire e crescere malgrado le ondate pandemiche, le incertezze legate alla politica Zero Covid in Cina e la guerra in Ucraina. Anzi, quasi in virtù del contesto così difficile. Perché, come vi raccontiamo sul numero 7/8 de La Conceria, ora in distribuzione tra gli abbonati, il mercato dell’alto di gamma si basa su meccanismi che si esaltano in contesti di incertezza economica generale. Molto più difficile è portare avanti le attività per chi a questa fortuna non partecipa.

 

Su La Conceria 7/8 parliamo del bipolarismo del mercato della modaSu La Conceria 7/8 parliamo del bipolarismo del mercato della moda

 

Il bipolarismo del mercato

Abbiamo deciso di sintetizzare lo scenario di mercato nel titolo “C’è chi può e chi non può”. E di dare spazio e voce a chi si trova in entrambe le posizioni: quella privilegiata del lusso consolidato e quella di trincea dell’impresa artigiana o del piccolo marchio. Con tutte le sfumature intermedie, dove operano fornitori di prodotto finito o di materiale. Abbiamo intervistato imprenditori e vertici delle associazioni confindustriali. Abbiamo preso il polso delle concerie e affrontato il discorso dalla prospettiva con Massimiliano Tintinelli (MTI Consulting), che delle stesse aziende della moda è un consulente.

Clicca qui per sfogliare il numero 7/8 de La Conceria

Per leggere La Conceria bisogna essere abbonati: se non lo sei, clicca qui per scoprire le formule di sottoscrizione

 

Leggi anche:

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×