Tra experience, disruption e big data: la Luxury Conference Condè Nast di Lisbona esplora la lingua che dovrebbe parlare il lusso

L’evento è giunto alla quarta edizione, lo organizza il colosso dell’editoria fashion Condè Nast International, il deus ex machina è il suo editor Suzy Menkes. È iniziato ieri e si conclude oggi a Lisbona e, attraverso un ricco programma di interventi, interviste e testimonianze approfondisce il tema utilizzato come titolo: The Language of Luxury. Obiettivo ambizioso, ma necessario, data la profonda rivoluzione in corso, con il mondo digitale che sta ribaltando strategie, identità, tempistiche produttive e commerciali. In estrema sintesi (e senza grande stupore) due sono state le parole chiave emerse come denominatore comune: experience e disruption. Il lusso, prima di “vendere” deve accogliere il consumatore nel suo mondo. Deve cioè sganciarsi dall’idea commerciale del prodotto, ed entrare in quella di proporre l’ingresso in “un’esperienza inclusiva”. E poi deve continuamente porsi domande su come cambiare, come immaginarsi, come rompere i propri schemi mentali, quindi essere (oramai aggettivo abusato…) “disruptive”. Se i Millennials, come ha spiegato nel suo intervento Michele Norsa (ex ceo Ferragamo) “restano l’obiettivo di tutti i brand, ma rimangono una generazione misteriosa, dai confini anagrafici poco chiari e che ognuno interpreta a modo suo”, il mondo digitale impone al lusso nuovi codici. Li ha spiegati, in particolare, Federico Marchetti, ceo di YNAP, arrivando a parlare di “intelligenza artificiale e big data” in funzione della “personalizzazione assoluta dell’esperienza di acquisto online”. Un mondo che corre a velocità spasmodica e deve confrontarsi con l’arte della creazione, che richiede “tempo – dice Giambattista Valli, designer fondatore dell’omonimo brand, – per poter raggiungere in qualsiasi occasione l’excellence” e che impone cura “artigianale nei minimi dettagli” racconta Christian Louboutin in un breve, ma efficace elogio del made in Italy che sta alla base delle sue calzature e degli artigiani capaci “di sviluppare l’incredibile complessità progettuale di un modello, fatta di dettagli minimi, dai materiali ad accessori e componenti”. Innovazione e tradizione, digitalizzazione e artigianalità: mondi distanti, ma che devono convivere, rispettando l’imperativo dichiarato da Maria Grazia Chiuri, direttore creativo di maison Dior: “Fondamentale è la coerenza del messaggio stilistico e del linguaggio di una griffe, in ogni suo aspetto, dalla sfilata al concept delle boutique”.  (lf)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati