Argentina, dopo 30 anni si può di nuovo esportare pelle di yacaré

Le aziende agricole argentine possono ricominciare a vendere pelle di yacaré (alligatori della famiglia dei caimani). A darne notizia è il portale di informazione infocampo.com.ar, secondo cui è quanto stabilito nei giorni scorsi dal ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Sostenibile sulla base del buon esito dato da un lungo progetto di ripopolamento delle specie locali: lo Yacaré Overo e lo Yacaré Negro.

La crisi
A cavallo degli anni Settanta e Ottanta il numero di coccodrilli in Argentina, dove sono chiamati yacaré mutuando il nome dalla lingua indigena guaraní, si era ridotto drasticamente in parte a causa della distruzione del loro habitat e in parte sotto i colpi dei bracconieri. Nel 1987 il governo vietò quindi l’esportazione e il commercio, anche interno al Paese, di prodotti e sottoprodotti realizzati con carne e pelle del rettile, mentre nel 1990 lanciò il Progetto Yacaré per la reintroduzione in natura di 80.000 coppie partendo dalla provincia di Santa Fe, quella che storicamente ospitava i coccodrilli, e poi estendendolo ad altre aree. L’iniziativa ha avuto un ottimo risultato: all’avvio del progetto si stimava che nella zona settentrionale di Santa Fe fossero presenti 2,7 animali per chilometro quadrato, dopo 15 anni il numero risulta salito a 9,8.

Il blocco decade
Dati questi buoni risultati, ora il governo avrebbe deciso di tornare a consentire il commercio di prodotti e sottoprodotti di yacarè, ponendo però alcune condizioni. Carni e pelli potranno essere venduti solamente da ranch autorizzati, che sono pochi e concentrati nelle province di Santa Fe, Corrientes e Formosa. Inoltre, potranno avvenire solamente in seguito alla raccolta delle uova per consentire la successiva riproduzione di nuovi esemplari. (art)

Foto da wikipedia.org

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati