Maiali: Pechino riapre le frontiere alle pelli Usa

La U.S Hide, Skin and Leather Association (Ushsla) ha comunicato che la Cina ha riaperto le frontiere alle pelli statunitensi (grezze e conciate) di suino. Il bando risale al 2009 e fu innescato dal timore di un’emergenza sanitaria, dovuta all’espandersi dell’influenza suina. La norma ha effetto immediato. “Rientrare nel mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità per noi” ha dichiarato Stephen Sothmann, presidente Ushsla. Nel 2008, ultimo anno “libero” prima del blocco, gli Stati Uniti hanno venduto alla Cina pelli suine per un valore di 23 milioni di dollari. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati