Sfide più complesse del previsto: Tyson rivede le stime 2019

Tyson foood abbassa le previsioni 2019

Il 2019 potrebbe rappresentare un anno di crescita più contenuta del previsto per Tyson Food. Il colosso americano della filiera della carne starebbe infatti rivedendo i propri piani di crescita per l’anno in corso. La ragione? Secondo alcuni media USA, vari fattori concomitanti si stanno rivelando più sfidanti rispetto a quanto ipotizzato nei mesi scorsi.

Azioni in calo
Martedì scorso (3 settembre) il valore delle azioni del colosso statunitense ha toccato i 93,29 dollari. È il massimo storico, motivato dall’impulso espansionistico condotto negli ultimi mesi sui mercati asiatico e sudamericano. Tuttavia, nel corso di una call interna sarebbero emerse alcune difficoltà per la Chicken Division (produzione in rallentamento). Impellente, anche la necessità di intervenire in modo adeguato presso l’impianto di macellazione di Holcomb, in Kansas, parzialmente danneggiato da un incendio scoppiato a inizio agosto.

Sfide di breve periodo
Non a caso, proprio martedì sera Tyson ha diffuso una nota in cui spiega che “le sfide a breve termine” stanno influenzando i guadagni del quarto trimestre. Per questa ragione, l’utile per azione dovrebbe rimanere compreso fra i 3,20 e i 5,70 dollari. Previsione che rivede in modo significativo quella precedente, fissata tra i 5,75 e i 6,10 dollari. Ad ogni modo, secondo gli analisti, le sfide che Tyson sta affrontando sono legate a problemi contingenti e momentanei, destinati a risolversi. Anche per questo il colosso USA ipotizza netti miglioramenti per l’anno fiscale 2020.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati