Vitelli, prezzi da oreficeria…

Le pelli europee di vitello non sono mai costate così tanto. Gli aumenti, costanti a partire da maggio 2009, sono decollati dall’inizio del 2012 per ragioni riconducibili al calo dei consumi continentali, tra crisi e attacchi di animalisti e nemici della carne rossa, e all’ingresso delle grandi firme nel mercato del grezzo, dopo le acquisizioni di concerie condotte da Hermès, Lvmh e Chanel. L’analisi condotta da Unic mostra un andamento similare dei prezzi delle origini Francia, Olanda e Italia durante il ciclo di crescita da inizio 2012 a fine 2013, ma con importanti differenze. Le francesi hanno concentrato la maggior parte degli aumenti nell’arco di 6 mesi, fra inizio e metà 2013, in cui sono cresciute del 33% a fronte del 51% totale: in quel momento le griffe, temendo lo shortage, accumularono scorte pagando prezzi eccessivi e facendo il gioco del venditore. Le pelli olandesi sono cresciute costantemente nei due anni, con un rincaro complessivo del 70%. Le pelli italiane, meno costose rispetto a francesi e olandesi, mostrano a fine 2013 un +37% rispetto a inizio 2012. A partire dallo scorso autunno, precisa Unic, i corsi sono entrati in una fase di stabilità, con qualche cedimento nel mese di marzo, limitato però alle scelte inferiori. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati