Aisthaet, Timothée e Craie, brand orgogliosamente francesi, ma che usano pelle italiana

Cosa hanno in comune i marchi francesi Aisthaet (abbigliamento), Timothée (calzatura) e Craie (scarpe, borse e piccola pelletteria)? La pelle italiana. Il perché ce lo ha spiegato Pierre Riviere, che nella primavera del 2017 ha fondato il marchio di calzature di lusso Timothée Paris, insieme al socio e designer Masamitsu Hata, per diversi anni in Berluti: “La pelle italiana ha una grande qualità che non cambia con le diverse forniture – sono le parole di Riviere, che per il suo brand ha deciso di usare unicamente “cuir italien” –. In più in Italia troviamo un ampio assortimento”. La produzione di Timothée è effettuata dagli artigiani della regione Pays de la Loire, nei pressi di Cholet.
La scelta di Aisthaet
È made in France anche la produzione di Aisthaet, che realizza capispalla in pelle. Ogni capo sembra una scultura su legno naturale o laccato. Fondatore del brand è il designer Ludovic Alban, ex Saint-Laurent ai tempi di Tom Ford e poi di Stefano Pilati. Successivamente è stato assistente di Véronique Nichanian a Hermès e poi è stato nominato direttore artistico di Carven Homme, poi di Look e Chevignon. Con Aisthaet, Ludovic Alban vuole creare “l’eccellenza contemporanea”. Aisthaet, che utilizza in prevalenza pelle italiana, è stato commercializzato per la prima volta nel gennaio 2018. “Perché la pelle italiana? Perché ha una qualità impareggiabile” ci ha detto Alban al telefono.
Il caso di Craie
Sébastien Germès e Camille Levai hanno fondato prima il marchio di slipper in pelle per bambini Easy Peasy, poi ceduto al gruppo Noël. Nel 2012 hanno creato Craie, marchio che offre borse da donna prodotte a Casablanca, in Marocco, in un laboratorio che impiega 25 persone. I pellami utilizzati sono sviluppati esclusivamente per le collezioni Craie, da Camille e Sébastien in collaborazione con conciatori di Italia, Francia e Marocco. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati