Alla guerra del fast fashion: Inditex a doppia cifra pensa all’online, H&M perde terreno, OVS avanza

Il gigante continua a fare il gigante. Nei primi 9 mesi dell’anno le vendite del gruppo Inditex (brand ammiraglio: Zara) sono aumentate del 10% (17,9 miliardi), con utili in progressione da 2,2 a 2,3 miliardi. I tempi, però, cambiano e l’holding, in vista di un riassetto del retail verso l’e-commerce, si prepara a vendere 16 punti vendita tra Spagna e Portogallo. Perde terreno, nell’eterno duello del fast fashion, il concorrente svedese. H&M nel trimestre settembre-novembre vede le vendite globali arretrare del 4% (circa 5 miliardi di euro), deludendo le aspettative degli analisti (previsioni Reuters per il periodo: +2%). Il management si dichiara allo studio di ripari (qualche esempio: accordo con Tmall per l’e-commerce in Cina). Intanto, alla comunicazione dei dati, il titolo ha perso il 15% alla Borsa di Stoccolma. Osserva i contendenti da lontano, ma intanto avanza, l’italiana OVS. Nei primi 9 mesi del 2017 il volume d’affari, con un + 14%, si attesta a oltre 1,1 miliardi di euro.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati