Banda delle griffe alla sbarra: per 8 imputati (serbi, bosniaci, romeni) la Corte di Appello conferma la pena

Confermate in appello le condanne alla banda delle griffe che nel 2014 eseguì furti in Toscana e a Udine per diversi milioni di euro. La Prima Sezione Penale della Corte di Appello di Firenze ha confermato la sentenza di primo grado per otto imputati (serbi, bosniaci e romeni), componenti la banda che faceva base vicino a Milano, a Trezzo d’Adda, nei pressi di un campo rom. Le condanne variano da 2 anni e quattro mesi a 2 anni e mezzo, oltre al pagamento delle spese processuali. Altri cinque complici avevano patteggiato pene fra 2 anni e 2 anni e mezzo. Tra i vari colpi della banda c’è quello messo a segno nella notte tra il 21 e il 22 aprile 2014 da Bulgari Accessori, che fruttò un bottino di circa 350.000 euro. Due società del gruppo Bulgari si sono costituite parte civile nel processo di appello. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati