Bangladesh: pugno di ferro contro le concerie che non traslocano

Ad Hazaribagh, il distretto conciario più inquinato al mondo, dal 1° aprile, dovrebbe essere imposto il divieto di approvvigionamento di pelli grezze, decisione drastica presa dal governo del Bangladesh per costringere le concerie a trasferirsi nell’area industriale di Savar, come previsto da un’ordinanza, continuamente disattesa, che risale al 2001. Non solo. Per dimostrare che questa volta si fa sul serio, l’Alta Corte di Giustizia di Dhaka ha emesso un mandato di comparizione per i titolari di 10 concerie, accusandoli di non aver mai rispettato i reiterati termini temporali previsti per il trasloco e, soprattutto, di non aver mai “pianificato alcuna attività di trasferimento e costruzione di un nuovo stabilimento a Savar”. Si attendono ulteriori sviluppi… (lf)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati