Le borse Trakatan puntano agli Usa

Trakatan, brand di borse tutto italiano nato dall’idea di Andrea Boffetta e Carla Sampò, dopo lo sbarco in Asia, punta agli Stati Uniti. Era il 2012 quando i due giovani hanno rilevato uno storico laboratorio di pelletteria in zona Vanchiglia, a Torino, per far partire l’attività. Oggi producono dai 2.000 ai 2.500 pezzi all’anno, con un fatturato che si aggira intorno ai 400.000 euro, in crescita del 35% rispetto al 2013. La nuova collezione “Where do we go now?” ha la particolarità che le borse, stampate a mano, è che vengono fatte serigrafare una per una dai carcerati della Casa Circondariale Le Vallette. Il primo mercato per il brand è il Giappone con negozi multibrand o concept store, seguito dalla Cina e in generale dall’Asia. Il progetto per il 2015 è quello di “approdare a New York o a Los Angeles. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati