Calzaturificio Taccetti, il terzismo funziona: dall’addio al marchio proprietario la reazione alla crisi

Dalla produzione di calzature con il proprio marchio a terzisti specializzati nel lusso. Tutto nel giro di due anni. La ricetta anti crisi del calzaturificio Taccetti di Montelupo Fiorentino funziona. L’azienda è cresciuta e ora ha tre stabilimenti dove lavorano 200 dipendenti diretti mentre altre 300 persone sono impiegate nell’indotto. La produzione è di circa 1.500 paia di scarpe al giorno. “Prima producevamo con il nostro marchio, ora lavoriamo per grandi nomi della moda (nessuno italiano). Siamo terzisti anomali: seguiamo tutta la filiera della scarpa, dalla progettazione alla logistica. Negli ultimi sette anni abbiamo aperto nuove aziende, acquistato nuovi macchinari e fatto assunzioni. Solo così possiamo crescere” hanno spiegato i fratelli Taccetti che realizzano scarpe per modelle, attrici e personalità quali Michelle Obama e Kate Middleton. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati