Canada, dell’animale investito accidentalmente non si butta via niente: in Ontario i corsi Inuit di concia della pelle

Imparare ad utilizzare le pelli di grandi mammiferi selvatici vittima di incidenti stradali. Non è un corso di formazione di quelli stravaganti, ma quello che accade ogni sabato a casa di Manitok Thompson (nella foto), donna Inuit residente a Carleton Place, Ontario, in Canada. Solo in Ontario ogni anno ci sono 1.100 registrazioni di animali selvatici morti accidentalmente in incidenti stradali ed è assolutamente legale appropriarsi delle carcasse. Manitok le raccoglie e insegna a un gruppo di donne come conciare le pelli e come utilizzarle per realizzare prodotti di artigianato tradizionale. Non solo, perché Manitok insegna il riciclo: vecchie giacche di pelle, pellicce, divani in pelle abbandonati in strada. “Imparare a fare buon uso di divani in pelle, giacche, cappotti, o cadaveri di animali selvatici uccisi da incidenti stradali, aiuta molte donne locali a ottenere indipendenza economica” ha affermato la donna. Nel garage di casa Thompson si trovano pelli di castoro, coyote, volpe, foca, tutte messe a essiccare secondo la tradizione Inuit. Provengono da acquisti legali e da animali selvatici coinvolti in incidenti stradali nella regione di Ottawa. Queste riunioni settimanali però suscitano commenti contrastanti. “È un grande spreco buttare un animale morto accidentalmente” sostiene Manitok. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati