“Crediamo nel futuro della pelletteria”: Hermès progetta altre due nuove fabbriche in Francia

Per ora ne possiede 15, per un totale di 3.136, tutte situate in Francia. A breve ne inaugurerà un’altra (a L’Allan, nella regione della Franche-Comté). Ma non sono sufficienti per soddisfare il suo fabbisogno produttivo. Hermès, dunque, ne ha messe in cantiere altre due. Apertura prevista: anno 2020. Numero di assunzioni: 500 in totale, 250 ciascuna. Location: una a Saint-Vincent-de-Paul, nei pressi di Bordeaux; una a Montereau-Fault-Yonne, nel dipartimento della Seine-et-Marne, dove, comunica la griffe in una nota ufficiale, “siamo presenti dal 1996 in seguito all’acquisizione della conceria Gordon-Choisy”. Hermès, che dal giugno 2014 a oggi ha aperto 5 fabbriche specializzate in accessori di pelletteria, spiega di avere la necessità di sviluppare la propria capacità per accompagnare il successo delle collezioni di maroquinerie-sellerie”. I 500 nuovi assunti saranno “artigiani pellettieri formati al savoir-faire d’eccellenza della griffe – spiega, al quotidiano leFigaro, Guillaume de Seynes, direttore generale di Hermès -. Questi investimenti rappresentano una dimostrazione di fiducia nel futuro di questo mestiere. Hermès funziona a un ritmo artigianale, la nostra variabile di crescita è quindi la selezione e la formazione del personale, che dura circa 18 mesi. L’entrata a pieno regime della produzione dei laboratori, quindi, sarà progressiva, seguendo lo sviluppo delle competenze dei nostri artigiani”. Foto tratta da charentelibre.fr.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati