Giappone: rinviato al 2017 l’aumento della tassa sul commercio

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha deciso di rinviare all’aprile 2017 l’aumento della tassa sul commercio del 10% prevista per inizio ottobre 2015. La decisione affonda le radici nell’improvviso e inatteso annuncio che il Paese è in fase di recessione economica. Sollievo tra griffe del lusso e retailer. Hiroshi Onishi, presidente di Isetan Mitsukoshi, il maggior department store giapponese, ha dichiarato infatti che, nonostante “l’aumento della pressione fiscale sia necessario per la stabilità del sistema economico nazionale e per dare solidità a quello previdenziale, siamo ovviamente sollevati da questa proroga”. Gli fa eco Eiji Kaneda, manager della catena Beams: “La nuova tassa avrebbe ulteriormente appesantito l’umore del consumatore. Per imporla si dovrebbe attendere che la ripresa economica generalizzata del nostro sistema-Paese”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati