Il rallentamento cinese? Secondo Burberry è strutturale

“Il rallentamento dell’economia cinese non è un dato accidentale, ma forse è il nuovo trend” ha dichiarato l’amministratore delegato di Burberry, Angela Ahrendts, durante un’intervista appena rilasciata al sito di una rivista francese. L’affermazione è in linea con i risultati dell’azienda londinese e le decisioni di chiudere alcuni negozi in Cina. “Esistono altre opportunità nel mondo – ha proseguito Ahrendts – come l’America Latina, l’India e soprattutto l’Indonesia, che potrebbe divenire la Nuova Cina”. Nel 2013 il prodotto interno lordo cinese potrebbe anche non raggiungere la crescita del 7,5% stimata dal governo di Pechino, che costituirebbe in qualsiasi caso il tasso di crescita inferiore degli ultimi 23 anni. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati