La luce in fondo al tunnel: Roberto Cavalli va a +4,9% nel primo semestre, la produzione rimane made in Italy

Cavalli torna a sorridere. La maison ha infatti registrato nel primo semestre 2017 un incremento dei ricavi del 4,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. “Se non avessi creduto nella forza del brand e nella possibilità di un rilancio in tempi relativamente brevi, i numeri che ho trovato un anno fa avrebbero potuto farmi desistere” spiegava a fine luglio l’amministratore delegato Gian Giacomo Ferraris (nella foto) in un’intervista al Sole 24 Ore. Parole che hanno trovato fondamento nei numeri solamente un mese più tardi. Nel 2015 e nel 2016, infatti, Cavalli aveva registrato un calo del fatturato che aveva raggiunto i 155 milioni di euro ma in seguito alla ristrutturazione organizzativa, Ferraris si dice convinto che la crescita si consoliderà nel secondo semestre dell’anno. Tra i cambiamenti messi in campo, quello di concentrare l’attività nello stabilimento di Osmannoro, a Sesto Fiorentino (Firenze), anche se ciò ha comportato una riduzione dell’organico e l’affidamento esterno della stamperia. Mai in discussione, invece, il made in Italy: “Quello che non produciamo direttamente è affidato ad aziende italiane e in particolare toscane di altissimo livello – conclude Ferrari dalle pagine del Sole -. Vale per l’abbigliamento, gli accessori e la pelletteria, visto tra l’altro il know how che circonda la nostra sede di Firenze. Senza autentica italianità non avrei potuto concepire il rilancio di Roberto Cavalli”. (art)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati