Le alterne vicende del retail USA: JC Penney chiude 140 negozi e prepensiona 6.000 addetti. Gap riprende fiato

In Usa le vendite on line fanno un’altra vittima. Il retailer JC Penney ha comunicato che dovrà chiudere nei prossimi mesi tra 130 e 140 dei suoi oltre 1.000 negozi, offrendo il prepensionamento a circa 6.000 dipendenti. Nel quarto trimestre le vendite della catena sono di circa l’1%, a 4 miliardi di dollari, in linea con le previsioni di Wall Street. Le vendite per l’intero anno sono scese dello 0,6% a 12,5 miliardi di dollari. Riprende, invece, fiato GAP che frena la sua discesa. Il retailer americano ha chiuso l’esercizio fiscale con un calo di fatturato del 2%, contro il -4% registrato nel precedente esercizio. Complessivamente i ricavi sono arrivati a quota a 15,5 miliardi di dollari, contro i precedenti 15,8 mentre l’utile è diminuito da 920 a 676 milioni di dollari. Secondo alcuni analisti potrebbe essere arrivato il momento per cedere o chiudere le insegne Banana Republic. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati