Napoli, la Finanza chiude laboratorio di pelletteria abusivo: produceva semilavorati per l’industria fake?

L’attività, per il fisco, semplicemente non esisteva. Mancavano le autorizzazioni di tipo ambientale e fiscale. I 5 dipendenti erano assunti in nero. Lo smaltimento dei rifiuti, anche pericolosi, non rispettava le leggi. E l’allaccio alla fornitura energetica era abusivo. Il I° gruppo Napoli del comando provinciale della Guardia di Finanza ha individuato e chiuso un laboratorio di pelletteria totalmente clandestino. Il titolare dell’attività, sita nel quartiere di Capodichino, è stato denunciato. Il laboratorio, dotato di tutti i macchinari necessari, produceva piccoli accessori, soprattutto cinture. Sono in corso accertamenti per risalire agli acquirenti dei manufatti. Il sospetto delle Fiamme Gialle è che i prodotti rappresentino la base di una filiera della contraffazione. L’ipotesi è che, una volta marchiati, sarebbero stati venduti come falsi.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati