Polemiche. Boicottaggi. Tweet “inopportuni”. Ordini che crescono del 557%. Forse essere figlia di Donald Trump conviene…

La prima verità: a parlare male di qualcuno, quasi sempre si finisce per fare il suo gioco. La seconda: essere figlia di Donald Trump, in fin dei conti, conviene. Il caso del brand calzaturiero di Ivanka Trump è una palese dimostrazione di entrambe. Boicottata pubblicamente da alcuni retailer (Neiman Marcus, Nordstrom e Bergdorf Goodman), ostracizzata da un certo tipo di opinione pubblica, accusata di essere un esempio di delocalizzazione (in Cina e, in futuro, in Etiopia) mentre il padre è un paladino del protezionismo e dell’autarchia, difesa in modo ritenuto “inopportuno” dal padre attraverso Twitter, Ivanka si gode percentuale di crescita a dir poco sconvolgenti. Parliamo di ordini che, secondo la stampa britannica, a febbraio si sarebbero moltiplicato del 346% rispetto a gennaio e del 557% su base annua. Secondo gli addetti è “esplosione effimera, momentanea, risultato di una sovraesposizione volontaria e non solo, che ha trasformato la Ivanka Trump Collection in un fenomeno virale”. Quanto durerà?

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati